Il toro da “lidia”, il dio più antico ancora venerato in Spagna

Il toro è adorato dall’uomo da 23.000 anni, affermandosi come la divinità più antica ancora venerata ai giorni nostri. 

L’ ammirazione che causa questo animale si spiega dalla sua forza, dalla sua fertilità e dalla sua nobiltà. 

L’ uomo lo beffa, lo sacrifica, usa le sue corna e la sua pelle per creare utensili, e la sua carne per nutrirsi, nella convinzione che le sue qualità saranno trasmesse a chiunque la mangi. 

Quasi tutte le culture mediterranee hanno adorato questo sacro totem, che è sopravvissuto fino ad oggi circondato da una temibile aureola, per il suo coraggio e la sua aggressività.

Gli spagnoli hanno vissuto in conflitto permanente con questo animale, che ammirano e temono allo stesso modo, crescendolo circondato da privilegi, per sacrificarlo in una cerimonia rituale chiamata corrida. 

Conoscere il toro nel suo habitat naturale, il modo in cui viene allevato, la sua natura selvaggia e le ragioni per cui viene combattuto nella piazza è come conoscere le radici della cultura spagnola e mediterranea. 

Vieni in campagna, parla con gli allevatori, fatti raccontare la sua storia e le ragioni della lotta, senti il suo sguardo feroce, la sua corpulenza, le sue corna affilate capaci di uccidere, e scopri i 24 privilegi di cui gode questo animale sacro.

Se vuoi sapere di più sulle esperienze che potresti vivere intorno al mondo del toro e della tauromachia in Spagna, non esitare a contattarmi. Sono a tua completa disposizione.

post a comment